24 Agosto , 2017

Search



La dimensione Mariana

Maria Santissima, per l'Oblata, è modello di totale dedizione alla persona e alla missione di Cristo. Nel suo Fiat e nel suo Magnificat ogni Oblata comprende pienamente se stessa

La nostra spiritualità ha una forte dimensione mariana, che trova la sua peculiarità nel contemplare Maria quale Madre e Socia del Redentore e nel vivere come Lei, l'associazione all'opera della redenzione; collaboriamo concretamente all'opera della redenzione rispondendo agli appelli della Vergine a Fatima: l'offerta della vita associata all'oblazione di Cristo, la preghiera e la riparazione.

 

 

 


Dalle Costituzioni delle Oblate di Maria Vergine di Fatima

Art 3 § 1
Maria Vergine, prescelta dal Padre,
consacrata dallo Spirito
e associata in modo unico al Figlio
nell'opera della Redenzione,
è presenza significativa e qualificante nella nostra vita di consacrate
e nella nostra missione apostolica nella Chiesa.
Art. 3 § 2
Noi Oblate di Maria Vergine di Fatima
sentiamo l'urgenza della parola salvatrice di Gesù:
"Convertitevi e credete al Vangelo" (Mc 1,15);
nel "messaggio" della Vergine a Fatima
riconosciamo un accorato e materno richiamo
della Madre di Dio a queste parole del Signore.
Ella, sollecita dell'eterna Salvezza dell'uomo,
le rivolge agli uomini di tutto il mondo,
perché accolgano la verità del Vangelo
e respingano, nella loro vita,
quanto mina le basi della Salvezza.
In piena comunione con la Chiesa,
rispondiamo a questo appello della Madre di Dio
con la testimonianza della vita e l'azione apostolica.

Dal Direttorio delle Oblate di Maria Vergine di Fatima

n. 5 § 1. Maria, Madre e Socia del Redentore, è presenza irrinunciabile nella nostra vita di Oblate di Maria Vergine di Fatima; accogliamo la Vergine Maria come dono che Gesù dalla croce ci ha voluto lasciare, quale testamento d'amore, insieme alla sua vita.
5 § 2. Ella, prima discepola di Cristo, è il prototipo della nostra consacrazione religiosa nella Chiesa, sul suo esempio e con il suo aiuto viviamo il nostro patto di alleanza con Dio.
La Vergine Maria, consacrata dallo Spirito Santo, si è lasciata plasmare dalla Sua azione santificante per corrispondere pienamente alla volontà di Dio e collaborare al disegno salvifico del Padre.
In Maria, Virgo fidelis, anche noi Oblate pronunciamo il nostro sì ad ogni pensiero e prospettiva divina; in tal modo il fiat dell'Annunciazione diventa la logica della nostra fedeltà a Dio.
Unite alla Vergine Maria, modello esemplare della sequela Christi, noi Oblate percorriamo l'impegnativo cammino di fede, di condivisione del destino dello Sposo, di esperienza della croce, di attesa della Risurrezione.
5 § 3. Maria, dona consacrata per la missine, ci insegna a fare della nostra consacrazione una missione: sotto la sua guida operiamo instancabilmente per generare l'umanità nuova secondo lo Spirito.
La Vergine Madre conduce tutti gli uomini a Cristo Salvatore; Ella esercita un'autentica competenza materna: presenta a Gesù le situazioni di bisogno dell'umanità ed invita tutti ad ascoltare la Parola del Figlio "Fate quello che vi dirà".
Anche noi Oblate, sull'esempio di Maria a Cana, con amore preveniente e carità apostolica provvediamo alle situazioni di bisogno dei nostri fratelli perché si trasformino in occasione di incontro vitale con Cristo.
Pertanto siamo "segno della tenerezza di Dio verso il genere umano e testimonianza particolare del mistero della Chiesa vergine, sposa e madre".
5 § 4. Contemplando la Vergine Madre, icona della nostra vita spirituale, ne assumiamo gli atteggiamenti interiori:
la Vergine in ascolto, che ala luce della Parola di Dio interpreta e vive gli eventi della storia,
la Vergine in preghiera, che incessantemente intercede per la salvezza del mondo,
la Vergine offerente, che si abbandono senza riserve al Padre, è Maestra del nostro itinerario nello Spirito.
Il Magnificat, che erompe dal suo fiat, sarà il cantico stesso dell'Oblata.